...CONTENTI?

sabato 31 agosto 2013

Obsession PIACE, anche alle tigri! I felini e le formule misteriose dei profumi. Reissue + AGGIORNAMENTO 2013.

Post n°127 pubblicato il 22 Febbraio 2012 da Monsieur_Jicky


Calvin Klein "Obsession for Men".



Lanciato: 1986
Disponibilità: In produzione
Profumiere: Slattery Bob
Bottiglia Designer: Pierre Dinand (lo stesso di Captain Molyneux).
Genere: Maschile

La Wildlife Conservation Society ha documenti assai interessanti circa l'impatto del Calvin Klein "Obsession for Men" su leoni, tigri selvatiche e di altri grandi felini.

Si sono notati comportamenti strani con "Island" di Michael Kors. 
Quindi si sono impiegati un sacco di profumi costosi.

I ricercatori hanno sperimentato la reazione dei grandi predatori in cattività, come è avvenuto nello Zoo di Brookfield.
Tutti i tipi di felini selvatici, con i sensi dell'olfatto avanzati sono attratti in vario modo da un certo numero di profumi commerciali. 

Profumi diversi hanno una risposta diversa negli animali (Fendi, Imari, Nina Ricci, YSL, Ralph Lauren, Hugo Boss).

E mentre Fendi può essere interessante, e Imari divertente, giù le mani dal preferito felino che è Calvin Klein "Obsession for Men". 


"Questo profumo particolare, sembra essere fortemente attrattivo per gli animali selvatici e di cosa si tratta è un po 'un mistero", hanno osservato i ricercatori.


Vedere per credere. Filmati girati in ambiente "raw" hanno mostrato un tronco d'albero spruzzato con "Obsession for Men", e pochi secondi dopo una tigre libera gli si avvicina incuriosita e si lascia andare a varia giocosità. 

Questo è lo stesso "Obsession for Men", che è sul mercato statunitense un classico ormai (costa circa 50-80 $ ed è nella Top 10 profumi da uomo, best-seller in tutto il mondo), un profumo che ha spesso promesso di tirare fuori il lato animale che è nell'uomo.

Coty, proprietaria del marchio Calvin Klein si è rifiutata di commentare i risultati e di collaborare alla ricerca direttamente.
Ann Gottlieb, il "naso" che ha contribuito alla creazione di Obsession for Men, pensa che ci potrebbe essere un certo numero di fattori che rendono la fragranza irresistibile per gli animali selvatici.
"E 'una combinazione di questo cuore vaniglia morbida sposato con questa nota di testa verde fresca che crea una tensione", dice. La colonia ha anche note sintetiche "animaliche". 
"E poi lo zibetto, una sostanza secreta dal gattone muschiato zibetto (lo stesso nome), che danno particolare sex appeal", ha aggiunto. 
Concludendo: "E questa particolare capacità di emozionare gli esseri umani evidentemente riesce a sedurre anche alcuni animali".

La ricetta di Obsession è (come per ogni frag) un segreto, ma fa onore alla Gottlieb l'avere rivelato ad es., la presenza della nota zibetto, non elencata di solito tra le note compositive della versione di Obsession per uomo. Non ha descritto quali tipi di muschio sintetico siano stati impiegati. Né altre indiscrezioni sulla formula sono trapelate in questi anni. Anni di grandi riformulazioni che hanno seriamente indebolito ed alterato il profumo originale fino alla versione correntemente sul mercato.
Qualunque cosa (e altra cosa) vi sia, beh, l'Obsession del test mantiene gli animali occupati o divertiti per oltre 10 minuti. 

I ricercatori dicono di non essere sicuri del fatto che i profumi abbiano un impatto sessuale. Né sanno cosa sia ad innescare una risposta ludica nei predatori esaminati. 
Qualunque sia la ragione, la maggior parte dei profumi provati con i grandi felini li hanno occupati mediamente per pochi secondi - ma Calvin Klein "Obsession for Men" li ha stregati in modo enigmatico per tempi davvero lunghi...



Concludendo (agosto 2013):

Perché tanta meraviglia? 


Alcune buone imitazioni del muschio (di cervo), del muschio di zibetto e del castoreum, ottengono questi effetti sugli animali. Non conosciamo data e lotto di produzione del flacone di Obsession Men utilizzato (pare appartenesse a uno zoologo del gruppo di ricercatori, quindi potrebbe darsi il caso di un esemplare anche molto vecchio). Ipotizziamo la presenza di vero muschio di zibetto nel profumo. 

Come Progetto Jicky abbiamo compiuto esperimenti analoghi, non tigri ma cani e gatti.
Il gatto riconosce l'Obsession vintage (abbiamo provato un O. del 1992 e un O. del 2007). 
Cane e gatto manifestano minimo interesse per il profumo finito. Cane e gatto impazziscono però quando proviamo a miscelare (1 spray + gocce o spray su spray) lo stesso profumo con muschio di cervo, zibetto o castoreum. 
Con gli alti dosaggi dobbiamo indossare lo scafandro per evitare graffi di entusiasmo e molestie...
In verità ci sono anche altri materiali "feromotici" altrettanto potenti, alcuni sono ancora meno noti dei succitati, o addirittura sconosciuti.
Ne riparleremo...

Potrebbe interessarti:

PERCHE' la profumeria è in CRISI?

giovedì 29 agosto 2013

Il caffè di zibetto.

Sarebbe mica ora che parlassimo un poco del caffè di zibetto, visto che lo beviamo tutti i giorni*?
Va bene, scrivi un post.



La storia di questo caffè inizia durante il periodo coloniale (XIX secolo), in Indonesia gli olandesi coltivavano caffè e ne proibivano il consumo agli indigeni. Ben presto si accorsero che questi animali andavano matti per i chicchi migliori di caffè e che li digerivano e cagavano** lontano dalle piantagioni e dai guardiani. 
Si potevano raccogliere, pulire e quindi tostare (piuttosto di niente, avranno pensato, e invece)...
Quel caffè raro era straordinariamente buono, quando arrivò alla prova del gusto degli olandesi ci si accorse della strana e inusitata dolcezza (e così sparì presto anche quello). Schiavi e padroni, tutti volevano questo caffè da rinvenire qua e là e nella sterpaglia: ma non c'era abbastanza materiale digerito ed espulso per far contenti tutti (allora come oggi). Il suo prezzo era molto alto ed impegnava continuativamente le donne nella raccolta, specialmente quelle meno adatte alla fatica fisica di altri lavori.


Il caffè di zibetto è descritto erroneamente persino in Wikipedia. Ne scrivono come di una modifica del profilo proteico dovuto alla digestione all'interno dell'animale. Non parlano della azione dei succhi gastrici sui tannini: il vero motivo per cui questo caffè è alla fine più dolce e rotondo di quello non elaborato dagli zibetti.
I tannini sono amaricanti ed astringenti.
A ciò si aggiunga che quello che questo animale fa all'interno del suo corpo e fuori dal suo corpo è quasi alieno. Lo zibetto appartiene alla famiglia dei viverridi ma per noi potrebbe essere pure marziano...
Il muschio di zibetto non è fecale, non gli esce dal culo infatti.
Il caffè di zibetto non è fecale, anche se gli esce dal culo.


Noi allo zibetto non ci arriviamo per via cinematografica, niente Hollywood per noi, niente Fiere della Polenta, poche storie, è tutta sostanza...
Amore per quella volpe di super-gatto, quello sì.
Vai avanti (non sarebbe il caso di una foto "domestica")? Va bene.
Indonesia, non c'è spazio per i mediatori nostrani.
6 mesi prima di accordarsi per l'acquisto di uno stock, e noi s'acquista anche la prova del 9: un identico lotto ma da altro fornitore a 350 Km dal precedente.
Idem per il terzo giro, Sumatra.
Una gara di resistenza alla rottura degli zebedei durante i soliti 40 giorni di tedio doganale e poi finalmente si può preparare la moka...
Il tostato da macinare sul momento è migliore.
La varietà di caffé coltivata in Asia è la "arabica".

I chicchi di caffè vengono ingoiati dagli zibetti e defecati qua e là. In natura gli animali si nutrono in modo naturale e spontaneo, in allevamento vengono invece nutriti anche a forza...
La differenza c'è spesso, perché il processo digestivo dell'animale in natura è regolare, invece in allevamento non sa mai chi trova e non gli si lascia proprio il tempo di diventare stitico...
Lo scandalo è recente, gli allevatori asiatici si fanno ormai una concorrenza folle, e appena vedono uno zibetto libero cercano la via di catturarlo per metterlo a caffè crudo a oltranza. E lo zibetto si mette giù a pannellare gandhianamente, e allora l'allevatore che vuole comprarsi il mercedez e il rolez va giù di schiaffoni: makan karena aku akan mematahkan kepala anda! (è un invito cordiale in indonesiano a consumare rapidamente il contenuto della vasca del caffé crudo).

Lo zibetto non è scemo, ha una mira per scegliere, quando può (come quando è libero di prendere i chicchi dalla pianta), i chicchi migliori, i più sani e solitamente i più grossi.
Chicchi molto grossi e non intaccati da parassiti. I caffè migliori sono quelli raccolti nella giungla, quelli che abbiamo cercato e acquistato. Quelli che beviamo.
I prezzi sono alti, e vari. Dai 50 ai 120 dollari l'etto. Ma per esperienza quelli migliori sono sui 100 all'etto.
Sotto i 70 dollari fioccano i falsi. 


Il caffè di zibetto crudo essiccato si può tostare anche in casa dopo opportuno lavaggio.
Batte tutte le prove di gusto, è davvero il migliore dei caffè sul mercato (è una varietà arabica i cui chicchi sono selezionati dall'animale e detanninizzati dallo stesso).
Le prove sono tutte a suo favore, persino quella recente con un blind-panel di studenti dell'Huffington Post.
Ma ai produttori dà fastidio, non si può imbrigliare perché se la gente in occidente vede gli zibetti in gabbia boicotta il marchio, ma nel frattempo ruba fette di mercato quello prodotto dai contadini di Indonesia, Bali, Sumatra...
Quindi minimizzano, beh sì... Ma non è tanto meglio, ma gli animali soffrono, ma (e fa effetto soprattutto agli americani di Bucket List 2007) "esce dal culo deve essere merda".
Vallo a dire agli olandesi che tenevano quelle colonie! Già loro ti avrebbero risposto che no, non solo non sa di merda, ma è migliore del tuo caffè raccolto meccanicamente e irrorato di pesticidi.
A noi piace perché noi si va da Guerlain al muschio di zibetto, e dallo zibetto in profumeria al caffè di zibetto.
Anche se gli allevamenti non sono per i nostri gusti gli stessi, in quanto il nostro muschio è etiope, sempre e solo africano quindi. 
Mentre per il caffè ci sono poche alternative (in Asia).

Oggi i prezzi sono scesi in modo assurdo, ormai quasi tutto il Kopi Luwak venduto oggi sui mercati è falso e creato in modi scorretti o fantasiosi. I produttori onesti sono in difficoltà, il risultato di distruggere il mercato di questo caffè è quasi raggiunto.
Noi razioniamo, perché quello trovato alla esclusiva caffetteria ******** a 12 euro la tazzina quest'anno non era quello trovato due anni fa o quello che abbiamo acquistato direttamente là e che possiamo ancora prepararci a casa, insciallah.


Qual è il miglior profumo al caffè secondo Jicky 2.0?






Ma quante "belle" anteprime!

Ecco il nuovo rutto di fiori bianchi di Lutens, provato a Parigi per voi e per tutti (per la review clicca sulla carriola):













L'incensone di Tom Ford è invece qui:















* quasi tutti i giorni, cmq spesso en lieu du café normal.
**chiediamo vènia per l'uso del "francesismo"...

mercoledì 28 agosto 2013

PROSSIMAMENTE: Un Grande Profumo (Ispirato A Napoleone Bonaparte) Che Spacca Quanto I Migliori Amouage!

Non è L'Interdit ed è molto meglio de L'Interdit.




PROSSIMAMENTE:


E' roba grandiosa, unisex. I collezionisti avranno capito di cosa stiamo parlando...

POST SCRIPTUM:

Se nel frattempo ti annoi o non sai cosa fare, prova a vedere questo post:

Sahara Noir, la nuova montalata dorata di tom ford...


CLICCA QUI, PERCHE' VENNE IL GIORNO... E LO SI SEPPE!




Deodoranti alle BETA CICLODESTRINE?


beta-cyclodextrin (β-Cyclodextrin o β-CD) è prodotto principalmente dalla Sigma Aldrich utilizzando come base destrosio.
Sinonimi: Caraway, Cycloheptaamylose, Cyclomaltoheptaose, Schardinger β-Dextrin, beta-Cyclodextrin.
Stabilizzante, solubilizzante, con azione fissativa.

Cosa sappiamo:

E' solubile in alcool e un pò meno in acqua.
Non ha odore ma ha sapore leggermente dolce.
Viene utilizzato anche dall'industria dei sapori.
E' un solubilizzante, ha azione stabilizzante, è molto utile all'industria farmaceutica per incapsulare i principi attivi, studi dimostrano però che per uso interno può essere nefrotossico.
E' un fissativo,
La documentazione relativa al suo uso come deodorante in nostro possesso è molto divertente. 
Gli autori del brevetto sembrano affermare che a loro (depositanti il brevetto) sembra che questo agente nella formula intrappoli parti odorose del sudore (reagisce bene alla presenza di sale). Si evidenzia la capacità di fissare gli agenti profumanti (deodoranti profumati).
Parabeni e tensioattivi sono consigliati.

Conclusione:

tanto rumore per nulla, è un solo un fissativo che rallenta l'evaporazione della parte di fragranza.
Gillette e Infasil erano validi anche senza beta ciclodestrine.


martedì 27 agosto 2013

Lyric Man Amouage (originariamente 15 febbraio 2012, piattaforma Libero). Reissue.

Lyric Man Amouage

Post n°121 pubblicato il 15 Febbraio 2012 da Monsieur_Jicky
NOTA IMPORTANTE: la presente recensione si riferisce al prodotto non più esistente. Distribuito fino al 2012 circa e poi ritirato e probabilmente smaltito come rifiuto in quanto fuori norma e fonte di certo imbarazzo se accostato alle riformulazioni, che sono oggi in commercio e che hanno stravolto il panorama di questo marchio, oggi più che mai insincero, deprimente e biasimevole, meritevole solo di rating modesti o prossimi allo zero. La strampalata progettazione e produzione (in evidentissima economia), nonché le scelte della distribuzione di Amouage, hanno reso gli stravolti riformulati, ed i nuovi prodotti del marchio, totalmente indesiderabili.

Lanciato nel 2008, è un profumissimo.
Angelica radice, due minuti dopo lo spray lo capisci perchè si chiama così, sembra un puzza di artemisia da principio ma diventa soffice, veramente muschiata e domina l'intera composizione, composizione degna di un re...

Non troviamo il nome dell'autore, si puo?
Rosa che sa di rosa assoluta,  incenso di incenso resina e bergamotto di bergamotto agrume, non di loro parenti chimici, è grandiosa questa cosa.
E poi: galbano, noce moscata, zenzero, zafferano (qui potrebbe essere safraleine perchè il liquido estratto dalla bottiglia è quasi trasparente e nessun derivato di zafferano naturale lo è).
Sandalo, lime, arancio fiori e muschio
L'effetto è dirompente, il drydown dura un paio di giorni.
E' divinamente assemblato ed è bello da star bene.
5/5era il voto!
PS
E' molto costoso, ma se li merita, e poi lo sapete quanto costa l'olio essenziale di angelica? E l'olio di rosa che non sia acido fenilacetico stile ***?

PPS

Il profumo condivide il 90% della piramide con Galliano Parfum N°1 che lo precede cronologicamente e molto probabilmente lo ispira, G. Parfum N°1 > Lyric Man A.

Amouage Epic Man (15 febbraio 2012). REISSUE.

Amouage Epic Man.

Post n°122 pubblicato il 15 Febbraio 2012 da Monsieur_Jicky

NOTA IMPORTANTE: la presente recensione si riferisce al prodotto non più esistente. Distribuito fino al 2012 circa e poi ritirato e probabilmente smaltito come rifiuto in quanto fuori norma e fonte di certo imbarazzo se accostato alle riformulazioni, che sono oggi in commercio e che hanno stravolto il panorama di questo marchio, oggi più che mai insincero, deprimente e biasimevole, meritevole solo di rating modesti o prossimi allo zero. La strampalata progettazione e produzione (in evidentissima economia), nonché le scelte della distribuzione di Amouage, hanno reso i nuovi prodotti del marchio totalmente indesiderabili.

Epic è stato lanciato nel 2009, naso Randa Hammami.
I materiali preziosi di scambio sulla via della setaoro, spezie, tè, incensi.
La versione in oggetto di Epic è quella maschile, è una fragranza orientale boisé: pepe rosa, cardamomo, zafferano e noce moscata in apertura. Gli impulsi del cuore sono essenze di geranio e mirra, mentre la base è costituita da preziosi Aoud (come ***** l'hanno scritto)?, patchouli, cuoio mirra e incenso.
La nota di Oud è interessante, è sfaccettata come la stessa nota in M7 di YSL ma ad avvolgere questa reminiscenza ci sono note diverse e drammatiche: patchouli e mirra, geranio e noce moscata, pepe, a gridare la loro presenza reale.
 La durata è epica.
Il voto è 4/5

Il post è brutto e anche vecchissimo, lo riscriveremo da zero, dopo un confronto a 4 (o a 3) sul profumo.

EDT di Le Parfum by Elie Saab. De Toilette.

2011

...e' la versione slim light dell'EDP (che è molto più intenso e godibile di questo).
Costruito attorno al gelsomino e al muschio bianco.
Molti sintetici captive e nuovissimi sono qui impiegati e ricordano i fasti del primo Mugler's Alien.
Non è una idea brillante ma gli ingredienti sono semplici ed espliciti (gridano forte).
E' un discreto e buon profumo floreale e muschiato, ma niente per cui morirvi sopra.
E' un Narciso Rodriguez for Her dove al posto della rosa sta il jasmine, chiedete spiegazioni a quell'armeno di skucci'an (kurkdjian)!
K-dò-ccojò

Rating: 2,5/5

lunedì 26 agosto 2013

Bouche Baie, Nez a Nez. Sputa quella cicca e mettiti in ginocchio sui ceci! S*****!


Sembra un bubble gum di vomi****, e vanilline messe giù per esaltare la nausea.
Per niente brillante, scem**** sul polso, deludente nel drydown.
Più un profumino Britney Spears che quello che ci si dovrebbe attendere dalla... nicchia.
damascone, aurantiol, ethilvanill. prugna di plastica
berrymist, cassis givaudan, cinnamald.
 e tante altre belle schif**** chimiche dozzinali.
 messe giù come rutti acidi di adolescenti ruminanti e obesi.

Voto: ZERO-1/5

Hai Beta Ciclodestrine? 

(Breve saggio sui nuovi deodoranti in commercio).



Clicca sull'ascella.


Jimmy Choo Exotic.

2013

Flanker fruttato dell'originale del 2011

Apertura divertentissima, molto succoso in modo molto gradevole tra fragola-lampone e bubble gum.
Molto meno brillante il drydown, ma niente riduzioni ai minimi termini, la qualità c'è.
Ribes (molto bello nella ricostruzione, in assonanza con Jeanne di Lanvin), Lampone, Pompelmo Rosa, Patchoulata, Orchidea, Passiflora.
Certo al 95% è sintetico.
Ma la chimica non è sempre schi****...

Rating: 2,5-3/5


domenica 25 agosto 2013

Captain Molyneux als M7?

Von der großen Geschichte des Master Parfümeure von Molyneux Paris.
Captain Molyneux das Original 1974-75

Captain Molyneux es roch DIVINE, durch Raum olfaktorische Pyramide.
Bisher beobachten wir dasselbe widerfuhr M7,
A): große internationale Erfolg für die V1.
B): Umformulierung und Vertiefung für die V2.
C) Trauma Werbepause (die Rückkehr in quaderförmigen Bösen verkrüppelt, innen mit gefärbtem Wasser und banal Aromachemikalien).

Also die Geschichte ist diese:

A): große internationale Erfolg für die V1:

Die Erste Formel großartig!
1974-75/1982 PURE GOLD
BEWERTUNG: 5/5

B): Umformulierung und Vertiefung für die V2:



1982-1990 Verfall und Schmutz:
BEWERTUNG: 1/5

C) Trauma Werbepause:


90er Jahre bis heute.
Der Müll:
BEWERTUNG: ZERO


C'era un profumo DIVINO, dalla piramide spaziale.
Ad oggi si osserva qualcosa di analogo a quanto occorso ad M7 di YSL,
A): immenso successo internazionale per la V1.
B): riformulazione e depressione per la V2.
C) Trauma commerciale e pausa (il ritorno storpio, nel parallelepipedo malefico, con dentro acqua colorata e banali aromachemicals).

Quindi la Storia illustrata è:


1974-75/1982 ORO PURO 
RATING: 5/5


1982-1990 DECLINO e PORCHERIA:
RATING: 1/5

Anni '90 fino ad oggi.
LA MONNEZZA:
RATING: ZERO

Das ende einer kryptischen und wunderbar post.

sabato 24 agosto 2013

Zibermann, ma che nicchia vuoi?


Erich Zibermann è morto, un secolo fa e faceva... penne.
Chi ha detto Svizzera? Uagliò!
Oggi il marchio parla napoletano: dal '93 è della ditta R*** di Napoli.
Fa un poco ridere come storia ma questa è, quanto ai profumi sentiti sono banalotti.
Royal Adler e White Adler sono quasi la stessa minestra.


Sugli altri stendiamo un velo di pietas.
Adler Frau, Adler Green, ma cosa c'entra lo stile teutonico del packaging con Napoli e con il juice francamente molto reminiscencioso?
I profumi (che nelle intenzioni erano da considerarsi "di nicchia") non sono novità sul mercato, prezzi davvero ballerini da 115 a 75 a... su ebay da profumeria nuovi 35 oggi, per il 125 ml.
Perché qualcuno dovrebbe comprarli?
Non sappiamo darci una risposta, è un progetto evidentemente non riuscito.
Pare il marchio punti ora più sulla bigiotteria, ecco... meglio.

Un girotondo attorno allo ZERO.

AMBROX, AMBROXAN, AMBROFIX, AMBROCENIDE &... AMBERMAX!


Quali sono gli argomenti di cui discutono i produttori di aromi chimici e i loro segugi profumieri ( in-house perfumers) oggi?

Mercato, la crisi c'è per tutti ma il settore tiene complessivamente bene, la gente si profuma leggermente di meno ma si lava come prima, e si deodora parecchio...

Il profumiere fa tutto, candele, deodoranti per il c****, per gli armadi, detersivi vari, saponi, profumi, aromi per i preservativi, per gli yogurth, etc...


Cos'hanno in comune lo Yogurth Activia della Marcuzzi e il nuovo profumo di Hugo Boss?

A parte il far c***** il profumo del secondo e l'aroma del primo sono stati commissionati alla Givaudan (e suoi satelliti).

Nestlè e Danone sono clienti fissi della Givaudan.

Per ciò che più ci interessa e cioè i profumi tout court le cose si sono discusse su due filoni di ricerca, o due baguette: agrumi e muschi/ambre.





Agrumi: eliminare anche gli ultimi olii essenziali naturali deterpenizzati e defurocumarinizzati, decolorati e compagnia cantante, levarsi dalle palle agrumeti e distillatori, how?

Troppa roba che sa di lavapiatti Svelto, e allora i produttori lavorano alacremente su nuove molecole citriche e loro combinazioni e ne stanno ancora parlando...

Poi capitolo ambre muschio-legnose: l'Ambrox della Firmenich International SA, l'Ambroxan della Henkel AG e l'Ambrofix Givaudan sono i più venduti ambra base dell'ultimo decennio, ma?

C'è un nuovo piccolo imitatore della secrezione di capodoglio che si aggira guardingo, è l'Ambermax.

Duebendorf, Svizzera. Felix Flachsmann (che è un ricercatore capo alla Givaudan e se la tira di brutto), ha detto che stanno usando come captive l'Ambermax per avere un ingrediente esclusivo da inserire nei prodotti commissionati a loro.

Proviamo a tradurre una conversazione sull'argomento tenutasi qualche mese fa tra persone che non nomineremo:

"Abbiamo fatto sforzi sovrumani per avere questa roba (l'Ambermax) col c**** che lo passiamo a terzi, questa roba vale svariati milioni di euro. Teniamo l'esclusiva per noi, avremo vantaggi per i nostri profumieri e guadagni più alti perché contiamo su maggiori vendite in forza di questo materiale"...

"Stiamo scommettendo di guadagnare di più col captive, speriamo di non fare la figura dei fessi al momento delle verifiche sulle vendite"!

"Rispetto all'Ambrocenide della Symrise il nostro è più fico: Ambermax è più morbido e sensuale dell'Ambrocenide, il nostro è caldo e parimenti potente e secco... ghesbò"...

"4 anni* o più, se rende, due invece se facciamo cilecca"...

"Karanal per la testa e Ambermax 10% TEC per cuore e fondo, è fico ma chi c**** ci ammazza"?

In realtà secondo Jicky 2.0 tra ambrocenide e ambermax non c'è una grande differenza una volta inseriti in una formula, sono due potenti note ambrate secche molto vicine che hanno il vantaggio di costare relativamente meno dei materiali classici simili, e di essere molto ma molto più performanti (in diluizioni del 10%)!


*IFF e Firmenich di solito dopo 4 anni senza tante storie cedono (a pagamento) le molecole, Givaudan considera altre opzioni come allungamenti del periodo di esclusiva, decisi in base al rendimento, alla redditività delle nuove molecole e blend.

venerdì 23 agosto 2013

Musc Ravageur, del salumiere.


2000

Trippe al sugo non si è sforzato per Lerch.

E' un profumo che delude sempre.
Può piacere solo a chi venga da Pino Silvestre o Hugo Toss.
Non è intenso è giocato su tanti piccoli tocchi da profumiere toccato.
E' animalico come Hello Kitty. 
E' originale quanto l'imitazione di qualcosa può esserlo.
Ci è sempre sembrato un mistero tanto clamore su questa *****, se in una profumeria cominci a sentire due profumi dei due quello che scompare è questo. E' una c****** di profumo, tenuto in piedi da Blogger che ormai sono stati ripuliti al SERT e non ne parlano più.
Ne parliamo noi di questi tempi, perché sia detta la parola definitiva sul sedimentato della esperienza con questo coso costoso.
Deve la sua popolarità anche al nome "MUSC", la gente che non sa niente di niente e i commercianti di profumi, quando gli si chiede un profumo al "muschio" ovvio che procedano associando al termine i profumi che hanno nel nome quel termine.
Obsession di CK è molto meglio "a muschi" di questa roba, e se si fosse chiamato Musc Obsession avrebbe similmente a MR allargato il proprio bacino di vendita. Trucchetti scemi.
E' andata come è andata, bene così (che sia andata, al passato).
Se volete far contento Lerch comprate Musc Ravageur.
Per noi è un venticello noioso come la morte e totalmente insignificante.

Rating: ZERO-1/5

giovedì 22 agosto 2013

Kiton Men, andrà bene per i tedeschi...

1996

Kiton è un forzato a vivere, come dire, se non lo interrompi rimane...
E' sempre stato un profumo dall'apparenza e dallo svolgimento cheap, molto chimico.
 Muschio, salvia, bergamotto, limone, ananas, mughetto, viola, cedro e cumarina.
Troppi iononi con ananas e cumarina fanno virare costantemente l'accordo fougére verso quel che, di non digerito e rimesso.
E' un profumo rovinato, ricorda Iceberg Twice l'altro invendibile di quegli anni con lo stesso problema.
Più volte riformulato oggi appare ancora più sconclusionato di 20 anni fa.
Qualcuno lo compra? Piace ai tedeschi, crauti e salsiccia per colazione, senape nel latte...
Prezzo basso (ma non abbastanza basso perché per noi dovrebbe costare una ventina di euro e non di più) e flacone generoso da 125 ml.


Rating: ZERO-1/5